Menù Principale

La nostra Sezione

Liste Candidati

Statuto e Documenti

Risultati Elettorali

Serv.Utili - WEB-TV

Latisana in Rete

Comune di Latisana

Gli Eventi a Latisana

Pubblicità

altri miei Siti !
anclignano pertegada calcio yorkshire susy isolajava LegaNord Latisana

Don.Severino Valvason
il vostro Webmaster

Lascia un commento
Entra in Chat
Slide - GallerY

RSS. dei amici
News


Nicola_Salvato Arriva dal servizio di polizia ambientale del Comune di Venezia e si chiama Nicola Salvato il vice commissario che, dal primo aprile, sarà a capo del comando intercomunale di polizia locale che riunisce i Comuni di Latisana, Muzzana, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Precenicco e Ronchis.

Una nomina di gran prestigio per un Comando che ha giurisdizione sul territorio della Bassa occidentale e che a breve potrebbe estendersi anche al Sangiorgino, dove il presidio di polizia locale associato non ha più l’attribuzione di Comando. Un Comando che, dopo la partenza del vice commissario superiore Eros Del Longo, è stato retto dal suo vice Renzo Maniero fino alla definizione dell’accordo con il Comune di Venezia.

Nicola Salvato, vice commissario dal gennaio 2018 responsabile del servizio polizia dell’Ambiente e in precedenza responsabile dell’ufficio formazione addestramento e aggiornamento professionale del Corpo di polizia locale del Comune di Venezia e del servizio sicurezza stradale e traffico. Nel suo curriculum, fra le attività di formazione specifiche ci sono il commercio, l’autotrasporto (compreso i taxi), la lotta all’abusivismo e l’omicidio stradale.

A Latisana avrà competenza su un Comando Intercomunale di poco meno di trenta agenti e di un parco auto di una quindicina di mezzi, con giurisdizione su un’ampia porzione di Bassa Friulana e sulle arterie più importanti: l’ex strada statale 14, la strada regionale 354, un tratto della Sr 353 e tutta una serie di strade provinciali ad alto scorrimento come la 56 dello Stella, la 75 “Bandite” e la 7 solo per citarne alcune. Le vie del mare ci sono tutte, così come i tracciati della viabilità ordinaria che si sobbarcano il traffico quando l’autostrada è chiusa.

Una viabilità complessa, sulla quale a breve dovrebbero arrivare a vigilare anche i 15 agenti di polizia locale in servizio per un anno (prorogabile) la cui assunzione è stata decisa e finanziata dalla Regione come prima risposta alla necessità di gestire il traffico che dall’autostrada si riversa sulla viabilità ordinaria in caso di chiusure della A4 fra i caselli di San Giorgio e Latisana.

FONTE: MessaggeroVeneto - 23 Marzo 2019



app-enea-codotto Vittime del dovere. Così venivano definiti i servitori dello Stato, uccisi per mano terrorista. Erano gli anni di piombo,

Anni di “barricate” dove indossare una divisa voleva dire essere dalla parte sbagliata per chi in quello Stato vedeva il nemico da sovvertire. All’ordine e alla legalità preferiva l’anarchia e la strategia del terrore.

Enea Codotto, appuntato dei Carabinieri, la notte del 5 febbraio 1981 è diventato una “vittima del dovere”, ammazzato nella periferia di Padova da alcuni militanti del gruppo terroristico neofascista Nar, sorpresi dal 25 enne appuntato e dal suo collega, il 23enne Luigi Maronese (anche lui ucciso quella notte), mentre tentavano di recuperare un borsone di armi precedentemente nascoste.

Durante il conflitto a fuoco, prima di morire, Codotto riuscì a ferire il terrorista Valerio Fioravanti, latitante di spicco della formazione, arrestato dopo quella notte e con lui molti altri componenti del gruppo eversivo, fra i quali Francesca Mambro.

Un gesto che valse ai due carabinieri la medaglia d’oro al valor militare e che ogni anno viene ricordato nella piccola frazione di Gorgo, paese natale di Codotto, con una cerimonia nella chiesa parrocchiale e con la deposizione di una corona ai piedi della tomba dove riposa Enea Codotto.

A rendere ancora più solenne la cerimonia, la presenza del Comandante Provinciale dell’Arma, colonnello, Alfredo Vacca, intervenuto davanti a una folta rappresentanza di Carabinieri in congedo e in servizio, provenienti dalle sei Stazioni territoriali della giurisdizione della Compagnia di Latisana, guidata dal Maggiore, Nicola Guercia.

La caserma di Latisana come quella di Bibione è intitolata all’appuntato Codotto: nella cittadina turistica veneta qualche anno prima della sua uccisione il Carabinieri Codotto era intervenuto nel corso di una rapina permettendo l’arresto dei malviventi.

«È un nostro preciso compito ricordare chi ha dato la vita per lo Stato, ancor più in questi tempi nei quali siamo disorientati e non sappiamo dare il giusto valore alla vita», queste le parole del sindaco di Latisana, Daniele Galizio, che nel suo intervento durante la cerimonia nella chiesa di Gorgo ha rivolto un particolare saluto ai tanti rappresentanti dell’Arma.

La preghiera del Carabiniere e il canto della Virgo Fidelis, hanno chiuso la cerimonia, alla quale erano presenti i labari di diverse sezioni dell’Anac e di altre associazioni d’arma.

Appuntato Enea Codotto

FONTE: MessaggeroVeneto - 13 Febbraio 2019



Rosanna_Tosoratti-Walter_Sepuca «In vita, il mio Walter, non ha mai offeso nessuno. Né usato parole di discredito o inappropriate. Era un uomo d’altri tempi, lui. Un signore. È per questo che io, quelli, non li perdono». La vedova di Sepuca si scaglia contro chi ha ironizzato su suo marito, postandone l’immagine sui social in occasione della manifestazione di Salvini in piazza del Popolo, l’8 dicembre scorso a Roma, e scrivendo che lui non ci sarebbe stato, facendo il verso al tormentone di quei giorni “Io non ci sarò”. E il suo non è solo un commento. Rosanna Tosoratti, assessore comunale a Fogliano Redipuglia (Welfare), è passata dalle parole ai fatti: ha dato mandato al noto avvocato con studio in Corso, Caterina Belletti, di tutelare l’immagine del defunto coniuge, mancato lo scorso 25 febbraio.

«Quella sera – racconta – quando amici mi hanno raccontato quanto stava avvenendo sui social m’è venuto un colpo. I morti dovrebbero essere lasciati in pace. Se io, ogni tanto, posto qualche cosa su Walter è solo per mantenerlo vivo nei ricordi degli amici». Quel post, apparso il 4 dicembre sulla pagina di un gruppo che ha un profilo su Facebook, non è andato giù a molti militanti leghisti, che avevano risposto sdegnati nei commenti. Walter Sepuca, ex segretario provinciale del partito e presidente del Consiglio comunale di Monfalcone, era spirato per un tumore all’età di 71 anni. Una scomparsa improvvisa e dolorosa per la famiglia. «Sono rimasta impietrita davanti a quel post – aggiunge Rosanna Tosoratti – e mi sono anche sentita male. È stata una presa in giro che mio marito non si meritava». «No, quel post non lo perdono – conclude –. L’ho riferito anche a Matteo Salvini, che mi ha abbracciato e mi ha detto che Walter è sempre con noi, nei nostri cuori, ed è la cosa più importante».

Come rilevato ieri dall’avvocato Belletti non s’è deciso di agire subito: si è atteso di vedere se vi fosse un ravvedimento, un pentimento, se venissero avanzate scuse o indignazione per lo squallido post. Non è avvenuto. «È stato un post volgare – conclude l’avvocato Belletti –, dunque agiremo, rivolgendoci alla Procura della Repubblica, con una querela». Il dileggio politico, su questo tutti convengono, può starci, ma non contro chi non può più difendersi. A scanso di equivoci, così il legale, «qualsiasi somma risarcitoria dovesse essere riconosciuta verrà devoluta in beneficenza».

FONTE: Il Piccolo - 19 Gennaio 2018



prefetti-Zappalorto-e-Marrosu Nel mirino l’aggiudicazione al Consorzio Connetting People. L’accusa è di concorso esterno in associazione a delinquere

UDINE. L’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato ai primi di gennaio a 42 indagati, tra cui 39 persone fisiche e tre persone giuridiche, ossia società. È il terzo filone investigativo relativo alla gestione del Cie-Cara di Gradisca d’Isonzo, già peraltro al centro del processo tuttora in corso al Tribunale di Gorizia, a fronte della riunificazione di due procedimenti.

In questa fase ancora iniziale, pertanto tutta da definire ai fini dello sviluppo del procedimento, rientrano a titolo di indagati due prefetti e due viceprefetti operanti nell’Isontino nel periodo tra il 2011 e il 2015.


Fedriga-e-Serracchiani L'ex governatrice è intervenuta telefonicamente ad Agorà (Rai 3) per replicare alle affermazioni del presidente: "Sono solo fake news"

UDINE. La Tav fa litigare l’attuale presidente della Regione e colei che, fino a qualche mese fa, governava il Fvg. Questa mattina, venerdì 11 gennaio, infatti, Massimiliano Fedriga, ospite di Agorà trasmissione televisiva della Rai, parlando del progetto dell’Alta Velocità – declinata a Nordest – ha attaccato Debora Serracchiani e i dem. «Oggi il Pd che si batte strenuamente per la Tav – ha spiegato il governatore – è lo stesso partito grazie al quale, e grazie a chi mi ha preceduto, non potremo più realizzare la Tav tra Venezia e Trieste».

Fedriga, nel dettaglio, si riferisce all’accordo firmato a fine 2016 tra Regione e l’allora ministro dei Trasporti Graziano Delrio che, in sintesi, prevedeva il raddoppio della linea ferroviaria Trieste-Venezia (costo 1,8 miliardi di euro) al posto della Tav vera e propria (spesa preventivata di 8 miliardi)

A questo punto in trasmissione interviene telefonicamente Serracchiani che accusa Fedriga di spargere «fake news», sostiene che la Tav «si può fare visto che ho lasciato a disposizione del presidente una valutazione d’impatto ambientale già pronta» e che all’epoca la scelta venne presa «assieme a Luca Zaia perché non avevamo gli 8 miliardi» per cui «se Fedriga tiene tanto alla Tav si impegni a trovare quei soldi».

IL VIDEO PUBBLICATO DAL GOVERNATORE FEDRIGA

Controreplica di Fedriga che ricorda gli attacchi «del gruppo consiliare del Pd e dell’ex vicepresidente Sergio Bolzonello nel momento in cui ho annunciato l’intenzione di provare a riprendere in mano il discorso Tav» e sottolinea come «ci siano a disposizione appena 200 milioni degli 1,8 miliardi sbandierati da Serracchiani». Non soltanto, però, perché poi la polemica si sposta sulla rete con Fedriga che recupera un “vecchio” tweet di Serracchiani, datato novembre quando, cioè, Danilo Toninelli confermò l’addio definitivo alla Tav per la Trieste-Venezia già deciso da Delrio con i grillini locali che esultarono per una svolta in realtà concretizzatasi ormai da anni.

IL POST DI FEDRIGA SU FACEBOOK



«L’invasiva Tav Venezia-Trieste – scrivere l’ex governatrice – è sparita da anni e con il governo di centrosinistra, ma i #M5s oggi spacciano come novità che è merito loro: bugiardi. Ci sono già risorse per velocizzare la linea, facciano uscire Toninelli da tunnel e comincia a occuparsi del nordest #sciecomiche».

FONTE: MessaggeroVeneto - 11 Gennaio 2018



InizioPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ] 10 pagine seguentiSuccessivoFine
 
Comunicazioni in evidenza !
 
Slideshow notice Events
  • salvini-roma.jpg

    LEGA Salvini Premier Friuli v.g. - Roma ottobre 2019

  • 2X1000.jpg
  • salvini-roma.jpg

    LEGA Salvini Premier Friuli v.g. - Roma ottobre 2019

  • tesseramento-online.jpg

    Tesseramento online sostieni la LegaNord

 
Per Contattarci
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 3

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimo online:  Anonimo online: 1

Visite totali Visite totali: 188649  

Ip: 18.207.134.98

NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Translation Site
Calendario Eventi
Sondaggio
Un tuo voto al Sito
 
Eccelente
Discreto
passabile
Bho..
Risultati
Webmaster - Infos
Ricerca



Visite

 188649 visitatori

 2 visitatori online

^ Torna in alto ^