Blog - Latisana e Ambiente

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Latisana e Ambiente

È guerra all’aviaria a Latisana: basta fiere-mostre con volatili  -  da Valvasev

aviaria a Latisana L’ordinanza del sindaco prevede anche il divieto di allevare pollame all’aperto. Galizio: la nostra è considerata zona ad alto rischio nei confronti dell’influenza

LATISANA. Vietate le fiere e le mostre con volatili. E divieto assoluto di allevare pollame all’aperto.

Per scongiurare un’epidemia di aviaria, la temuta influenza che colpisce i volatili e che può contagiare l’uomo, il sindaco di Latisana, Daniele Galizio, ha firmato un’ordinanza che stabilisce alcune regole da rispettare nel caso si allevino polli, faraone, oche e galline sia per fini commerciali, ma anche domestici. E ne ha vietato l’esposizione e la presenza a fiere e manifestazioni varie.

I volatili selvatici sono il serbatoio naturale di questo virus, in particolare le specie acquatiche delle quali la Bassa Friulana è particolarmente ricca: da qui l’imposizione di non tenere gli animali all’aperto e di non utilizzare per il loro abbeveraggio serbatoi di acqua ai quali possono avere facile accesso i volatili selvatici.

In tal caso, scatta l’obbligo di abbattere gli animali.

Il nostro territorio è considerato una zona ad alto rischio nei confronti dell’influenza aviaria, come stabilito dalla Direzione centrale della salute che ha definito tali le aree poste a sud del tracciato dell’autostrada A4 – rileva il sindaco Galizio nell’ordinanza –: pertanto devono essere adottate misure di biosicurezza tali da evitare, per quanto possibile, i contatti fra volatili domestici e volatili selvatici.

I divieti, in vigore già da alcuni giorni, interessano aziende avicole e cittadini che allevano il pollame per proprio consumo o come animali da compagnia e che non potranno più lasciare liberi, nei cortili o nelle aie, i volatili.

Ma l’ordinanza si estende anche alle manifestazioni di piazza, vietando la presenza di volatili in cattività in occasione di mercati, mostre, esposizioni ed eventi culturali. E ai cacciatori, vietando l’utilizzo di uccelli da richiamo detenuti con modalità che possano metterli nelle condizioni di trovarsi in contatto con altri volatili.

Quanto disposto dall’ordinanza, nel caso non si ottemperi, oltre a prevedere sanzioni configura un illecito penale in quanto tale segnalato all’autorità giudiziaria.

FONTE: MessaggeroVeneto - 07 gennaio 2018


Pubblicato il 08/01/2018 @ 20:13  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
08-2020 Settembre 2020 10-2020
L M M G V S D
  01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^