Blog - Sanità del Friuli i nostri Ospedali

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Sanità del Friuli i nostri Ospedali

Latisana, punto nascita ancora sospeso: cittadini e sindaci in piazza  -  da Valvasev

punto-nascita-ancora-sospeso Il corteo organizzato dal comitato “Nascere a Latisana”. Un comune varesino: da noi la riapertura dopo le proteste

LATISANA. Fischi e slogan, per un corteo che ha voluto essere la voce di protesta di migliaia di cittadini. Un grido che deve arrivare lontano, fino a Trieste, dove ha sede quella politica finora “sorda” alle richieste di un territorio, di 13 sindaci, di un numero di potenziali utenti che dai circa 70 mila residenti dell’Ambito della Bassa e del vicino comune di San Michele al Tagliamento possono salire fino ai 300 mila turisti che abitano Lignano Sabbiadoro d’estate.

È cominciata così, con una camminata, la manifestazione di protesta organizzata dal comitato Nascere a Latisana con l’adesione dei sindaci di Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano-Teor, Ronchis, San Giorgio di Nogaro e anche di San Michele al Tagliamento, del presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini e di numerosi consiglieri regionali. Tutto ciò a circa un anno dalla sospensione tecnica del punto nascita.

Nella sala conferenze del Polifunzionale assemblea e petizioni, le migliaia di cartoline firmate dai cittadini, stanchi delle bugie e intenzionati a invitare la presidente della Regione, Debora Serracchiani a un incontro con le comunità, per chiarire alcuni aspetti: come mai la soglia dei 500 parti vale per alcuni e non per altri?

Come si può lasciar usare delle sale parto non a norma (a Palmanova)? quanti soldi sono stati persi per mancata attrattività da quando sono stati chiusi determinati servizi materno infantili all’ospedale di Latisana? E il bando per la ricerca dei pediatri? Sono i quesiti che la presidente Renata Zago vorrebbe porre alla Governatrice e che ieri sera avrebbe rivolto anche al direttore generale dell’Aas 2 Giovanni Pilati che, però, non ha partecipato per impegni precedenti.

È invece riuscito a infondere una buona dose di positività Alessandro Paladini Molgora, sindaco di Angera, Comune in provincia di Varese dove da poche settimane la Regione Lombardia ha riaperto il punto nascita precedentemente chiuso: con il sindaco anche le rappresentanti del comitato Amor protagoniste di 72 giorni di presidio dell’ospedale cittadino.

I sindaci di Lignano, Luca Fanotto e di Latisana, Daniele Galizio, hanno ripercorso gli ultimi mesi di tavolo tecnico, spiegato l’interruzione del dialogo con la Regione e riferito dell’audizione in consiglio regionale, «abbiamo tutti lo stesso obiettivo e per arrivarci percorriamo lungo due strade – ha detto Galizio – il comitato con i cittadini, i sindaci con le istituzioni».

FONTE: MessaggeroVeneto - 18 Marzo 2017


Pubblicato il 18/03/2017 @ 21:17  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
09-2020 Ottobre 2020 11-2020
L M M G V S D
      01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^