Blog - Patrie dal Friûl

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Patrie dal Friûl

Accesso all’Aussa Corno: a rischio 27 milioni di euro  -  da Valvasev

Aussa Corno SAN GIORGIO DI NOGARO. «É preoccupante il silenzio della Regione, mentre si rischia di perdere i 27 milioni che il Cipe ha stanziato per la realizzazione del secondo accesso stradale e ferroviario per la zona industriale Aussa Corno e lo scalo di Porto Nogaro: opera strategica e urgente per il futuro dell’intero territorio».

A dirlo il segretario della Lega Nord del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, la segretaria del Carroccio di Latisana Maddalena Spagnolo e il suo omologo circoscrizionale Virginio Bragagnini, che entrano a gamba tesa su un tema che sta tenendo banco da anni nella Bassa friulana e che da qualche tempo pare accantonato nonostante i diversi progetti presentati dall’ex Consorzio Ziac oggi in possesso della Regione, e che per la realizzazione di quest’opera siano stati indetti anni fa, due referendum nei comuni di San Giorgio di Nogaro e Torviscosa. Questi i due comuni interessati dall’infrastruttura: da una parte San Giorgio che vuole l’opera e dall’altra Torviscosa che dice no a causa dell’impatto sul suo territorio.

Gli esponenti della Lega Nord nel loro intervento attaccano l’amministrazione regionale rimarcando che sarebbe bene operare per non perdere i finanziamenti al fine di rilanciare la Bassa friulana, «considerato che la Regione giudica il secondo accesso viario-ferroviario alla zona industriale Aussa Corno un'opera strategica».

«Con tali premesse – affermano –, desta preoccupazione il silenzio della stessa Regione sulla realizzazione del secondo accesso alla Ziac e al porto: se non si andrà avanti con queste infrastrutture, ci saranno riflessi negativi sull'intera economia del territorio».

Fedriga, Spagnolo e Bragagnini, evidenziano l’altro aspetto di cui si deve tener conto: il completamento dei dragaggi. «Questi permetteranno il trasporto delle brame da Monfalcone alla Ziac non più via terra, con pesanti conseguenze sulla sicurezza e sulla manutenzione stradale, ma via mare. Un intervento che garantirà lo snellimento del traffico pesante negli abitati di Gonars, Porpetto, San Giorgio di Nogaro, Cervignano e Torviscosa. Questo stand-by da parte della Regione – è l’affondo – sta mettendo rischio i circa 27 milioni stanziati dal Cipe, oltre a dei cofinanziamenti statali per tutta l'opera viario-ferroviaria. Attendiamo risposte immediate e convincenti da parte di Serracchiani»

FONTE: MessaggeroVeneto - 12 Ottobre 2016


Pubblicato il 14/10/2016 @ 23:18  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
09-2020 Ottobre 2020 11-2020
L M M G V S D
      01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^