Blog - Tanto per ridere.

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Tanto per ridere.

Ultim’ora: arrestato a Latisana il pericoloso latitante Bortoluzzi  -  da Valvasev

Bortoluzzi Rolando Latisana – È durata ventiquattro mesi la latitanza di Rolando Bortoluzzi, pericoloso boss di Latisana, che nella notte è stato assicurato alla giustizia. Non ha opposto alcuna resistenza quando i carabinieri, dopo aver fatto irruzione nel suo covo, lo hanno sorpreso mentre sfogliava una rivista sui metodi di prevenzione delle unghie incarnite.

“Non rispondeva più al telefono”, “Non replicava ai nostri messaggi su WhatsApp nonostante fosse online”. Sono solo un paio delle testimonianze raccolte dai suoi ex amici, i quali si insospettirono improvvisamente quando la madre di lui disse loro che fosse andato in Molise. “C’era qualcosa che non andava – afferma uno di loro -. Nessuno è mai andato in Molise, regione la cui esistenza non risulta nemmeno certificata”. Temevano di perderlo così denunciarono la scomparsa di Rolando .

I carabinieri ben presto hanno scoperto che dietro quel nome si nascondeva un enorme giro di affari e di estorsioni legato alla rimozione di antenne e di cavi di collegamento telefonico. La svolta delle indagini è arrivata in seguito alle affermazioni di un pentito: “Il credo della cosca si basa sull’obbligo di non rispondere ad alcun messaggio e a nessuna telefonata. Una mattina diedi il buongiorno a una ragazza che mi piaceva e, in questo modo, finii per tradire i miei soci”.

Le forze dell’ordine, così, sono riuscite ad individuare il bunker del superlatitante che si nascondeva nel sottoscala dimenticato di un colorificio di Latisana. Interrogato dai magistrati, Rolando Bortoluzzi è stato costretto a vuotare il sacco: “Non volevo rispondere a telefono. Chiedevo ai miei amici di non chiamarmi, ma lo facevano lo stesso, quindi cominciai a non rispondere a nessuno. Fu allora che decisi di liberare gli uomini dalla schiavitù del telefonino istituendo un racket finalizzato a diminuire il volume delle telecomunicazioni”. Pesante la condanna del giudice che ingiunge al criminale di richiamare una volta visualizzata la chiamata persa.

FONTE: pinibook.online - 11 Agosto 2016


Pubblicato il 12/08/2016 @ 01:37  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
09-2020 Ottobre 2020 11-2020
L M M G V S D
      01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^