Blog - Sanità del Friuli i nostri Ospedali

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Sanità del Friuli i nostri Ospedali

Ospedale di Latisana: l'ordine dei medici contro il dg Pilati  -  da Valvasev

ordine dei medici contro il dg Pilati Dura presa di posizione dell'Ordine dei medici di Udine contro il direttore dell'Aas2, Giovanni Pilati: invece di confrontarsi coi colleghi sulle difficoltà del pronto soccorso dopo la chiusura del punto nascita, ha cercato di addossare loro eventuali disservizi

Sulla vicenda dell'ospedale di Latisana interviene l'Ordine dei Medici di Udine dopo la segnalazione del Direttore del Pronto Soccorso del nosocomio. I fatti sono questi: a metà maggio il Direttore Generale dell'Azienda sanitaria 2 “Bassa friulana - Isontina”, Giovanni Pilati (nella foto con la presidente della Regione, Debora Serracchiani, e l'assessore alla Sanità Maria Sandra Telesca), ha contestato al responsabile del Pronto soccorso latisanese ed ai medici del reparto la mancata predisposizione di un piano formativo adeguato per fronteggiare le esigenze dovute alla ristrutturazione, in linea con la riforma del Servizio sanitario regionale. La conseguenza, stando al direttore generale, sarebbe stata la mancata adeguata assistenza ai cittadini. Questo in risposta alle denunce dei medici stessi riguardo alle carenze del servizio di pronto soccorso pediatrico dopo la chiusura del punto nascita di Latisana.

L'Ordine dei Medici di Udine oggi ha inteso rassicurare i pazienti: non c'è alcun rischio che gli utenti dell’Ospedale di Latisana e Palmanova possano essere esposti a servizi di assistenza non adeguati, e ciò alla luce della preparazione e serietà dei professionisti che lavorano nei due nosocomi, oltre che in base agli esiti degli interventi stessi a disposizione dei cittadini. "Le problematiche inerenti gli Ospedali di Latisana e di Palmanova sono state trattate nell’ultimo Consiglio Direttivo dell’Ordine a cui erano invitati, in veste di uditori, anche i medici che attualmente siedono in Consiglio regionale. “Le condizioni in cui i colleghi – e il personale sanitario tutto – devono operare, sebbene la loro professionalità supplisca le mancanze, restano critiche a causa di carenze organizzative e di risorse”, dichiara il Presidente dell'Ordine, Maurizio Rocco. Bene hanno agito pertanto i medici del Pronto soccorso a segnalare prima al direttore generale e poi all'Ordine, sulla base di quanto previsto dal Codice deontologico, che la struttura deve assolvere a tutti i requisiti affinché l'operato dei medici possa svolgersi con qualità, in sicurezza e con la garanzia dell'equità della prestazioni. “Sorprende invece il comportamento del direttore generale – scrive in una nota l'Ordine dei Medici, medico anche lui, che anziché esercitare, nel suo delicato lavoro, quello spirito di colleganza, collegialità e collaborazione richiesti a tutti i Medici iscritti all’Albo e a quanti ancora ritengono di esercitare una medicina scevra da condizionamenti politici ed economici, ha preferito esercitare le prerogative del Direttore Generale. Il direttore generale Pilati non ha accettato la nostra richiesta di chiarimento tra professionisti, mettendo così in luce la sua preminente posizione dirigenziale politico-amministrativa su quella medica tanto che - viene da chiedersi - se i Medici iscritti all’Albo imprestati alla politica o alle varie Amministrazioni siano esonerati dall’osservare i dettami del Codice di Deontologia Medica. Vedremo e valuteremo, fa sapere l'Ordine. "Ai medici politici presenti in Consiglio l'Ordine ha sottolineato che non è corretto scaricare sui Medici e sugli Operatori sanitari le conseguenze delle indecisioni e dell’opportunismo politico, visto che in gioco c'è la tutela di un diritto fondamentale, quello alla salute".

Come suo primo atto dopo le recenti elezioni, il Consiglio comunale di Latisana aveva chiesto le dimissioni del direttore generale dell'Aas2 e ora attente un confronto con la presidente della Regione, Debora Serracchiani, in programma nella sala consiliare lunedì 25 luglio. Il pronunciamento dell'Ordine dei medici di Udine aggrava così la posizione del dirigente medico.

FONTE: www.lavitacattolica.it - 11 Luglio 2016
LEGGI anche:   >>>
FONTE: www.ilfriuli.it - 11 Luglio 2016


Pubblicato il 11/07/2016 @ 19:40  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
08-2020 Settembre 2020 10-2020
L M M G V S D
  01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^