Blog - Politica e Comune

 

Rubriche

ChiudiAmbulanti, abusivi, clandestini

ChiudiCasa di Riposo Umberto I di Latisana

ChiudiComunicati stampa FI.Latisana

ChiudiContributi sociali alle Ass/ni

ChiudiElezioni Comunali 2016 Latisana

ChiudiLa Politica PD. della Regione Friuli v.g.

ChiudiLatisana e Ambiente

ChiudiNoi Siamo La LegaNord

ChiudiPartiti Politici-movimenti- e civiche

ChiudiPatrie dal Friûl

ChiudiPolitica Nazionale

ChiudiPolitica Regionale

ChiudiPolitica e Comune

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSanità del Friuli i nostri Ospedali

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana

ChiudiStrade-Circolazione-viabilità-Variante

ChiudiTanto per ridere

ChiudiTanto per ridere.

ChiudiTutto su M5S

Chiudisicurezza e protezione proprietà privata


Post sul Blog
Ultimi commenti

Politica e Comune

LATISANA: Gazebi, nuove regole e il Comune incassa  -  da Valvasev

gazebi tassabili a Latisana Otto locali di Latisana devono versare 24 mila euro Il sindaco: norme riviste per rendere più attrattivo il centro

LATISANA. Quasi 24 mila euro. È la cifra che otto bar del centro storico devono pagare all’amministrazione comunale di Latisana, in quote proporzionali ai metri quadri occupati, per il posizionamento di strutture e arredi su suolo pubblico comunale per il triennio 2016-2018. Canoni decisi da un’apposita convenzione, sottoscritta dal comune di Latisana e dai titolari dei pubblici esercizi, ancora lo scorso mese di febbraio. Tariffe che vanno da un minimo di 1.300 euro, a un massimo di 5.000. Ma ci sono anche quote di canone da 1.700 euro, 2.000, 3.200, 3.900 e 4.700. Sono interessati dall’operazione lo Stussighin, il Bar Olimpico e la Wine Evenue di piazza Indipendenza, il Tosto Caffè e il Bar Bellini di via Vittorio Veneto, il Buon Bicchiere e la Bottega del Caffè di piazza Caduti della Julia e il Bar Garibaldi, nell’omonima piazza. Lo stabilisce una determina pubblicata ieri all’albo del comune, ma operativa dal 18 scorso e redatta ancora nel mese di marzo.

A dettare forme, colori e dimensioni dei gazebi esterni dei bar del centro, ci pensa un apposito regolamento comunale, modificato l’ultima volta a dicembre, che fornisce precise indicazioni sulle strutture, che devono essere in legno, di color noce o similare, di foggia semplice e lineare, aperte su tutti i lati, pavimentate, non più alte di 3 metri, coperte con materiali che consentano alla luce di filtrare, per esempio stuoie e bambù, oppure con teli dalle cromie naturali, senza scritte pubblicitarie, da risultare in sintonia con gli edifici circostanti. L’unica alternativa concessa a tutte queste prescrizioni è l’uso del ferro battuto. È ammesso anche l’uso di ombrelloni che non occupino i marciapiedi.

Norme “severe” per rendere di per sé più attrattivo il centro storico per cittadini e turisti. «Una vera e propria urgenza – scriveva nel suo programma elettorale il sindaco Daniele Galizio - l’immagine delle vetrine chiuse, in centro e nelle vie laterali, rimanda in maniera chiara la necessità di un intervento forte e deciso». È uno dei primi ipotizzati dall’amministrazione comunale è quello di creare un “Centro commerciale all’aperto” diminuendo il traffico e favorendo la pedonalizzazione di piazza Indipendenza, con un percorso che la colleghi in modo funzionale ai parcheggi “esterni” e alle altre zone del centro cittadino. E la presenza dei gazebi diventa fondamentale per partire con quella sperimentazione che gradualmente porterà a togliere il traffico dal centro.

«Siamo consapevoli che piazza Indipendenza non si può pedonalizzare da un giorno all’altro – scrive il sindaco nel programma - ma vanno progressivamente create le condizioni affinché siano gli stessi commercianti a credere in quella soluzione».

FONTE: MessaggeroVeneto - 23 settembre 2016


Pubblicato il 24/09/2016 @ 16:08  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Archivi
11-2020 Dicembre 2020 01-2021
L M M G V S D
  01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Blog degli amici
 
^ Torna in alto ^